Chi sono

donPaolo


Vingunguti – Tanzania – settembre 2015

Son nato quarantacinque anni fa a Beinasco, un piccolo paese (allora) della prima cintura di Torino. Qui sono cresciuto, coltivando lo studio, amicizie che col tempo si sarebbero rivelate forti e importanti, la passione per la musica e una vita parrocchiale e di Oratorio capace d’instillarmi la domanda sul ‘superfluo’ della vita.

Ancora giovane, la bella scoperta del volontariato, del volto dell’altro, di un mondo in attesa. Così il Cottolengo – la cittadella dell’umano soffrire e della gioia – mi ha accolto tra le sue braccia, prima come volontario, donandomi la possibilità di donarmi, e poi come seminarista. Dopo gli anni di università, l’ordinazione sacerdotale nel 1998.

Dopo la specializzazione a Roma in Teologia, mi son reso disponibile per i vari incarichi che mi venivano affidati.

Da otto anni sono responsabile della Casa di Spiritualità di Druento, un centro di formazione spirituale per il laicato. Un periodo di ‘grazia’, fatto di ascolto di persone assetate d’altro, insieme al tentativo di offrire percorsi di approfondimento della Scrittura e della conoscenza del sé.

Sono guida biblica in Israele, la Terra Santa, dove tutto è nato.

Amo la musica da Bach a Keith Jarrett, passando per Francesco Guccini; l’arte soprattutto moderna; il teatro dell’assurdo; quel cinema che nessun amico è disposto a vedere con te, e frequento molto i migliori amici dell’uomo, i libri, che parlano quando vuoi che parlino e tacciono quando desideri.