“Ho conosciuto il silenzio” di Edgar Lee Masters

“E chiedo, per le cose profonde a che serve il linguaggio?” Questa la domanda che si pone il grande poeta statunitense Edgar Lee Masters, nella splendida poesia: ‘Ho conosciuto il silenzio’. Abbiamo bisogno di fare silenzio, non per essere muti, ma per far emergere ciò che conta veramente, perché le parole tornino a dire qualcosa d’importante, perché le cose profonde possano riemergere da un’infinità di strati di banalità e di cenere con cui le abbiamo sommerse.
D’altra parte il linguaggio più alto tra due amanti è il silenzio. Come “il silenzio degli dèi che si capiscono senza parlare”.

Ho conosciuto il silenzio. 

Edgar Lee Masters 

Ho conosciuto il silenzio delle stelle e del mare

e il silenzio della città quando si placa
e il silenzio di un uomo e di una vergine
e il silenzio con cui soltanto la musica trova linguaggio.
Il silenzio dei boschi
prima che sorga il vento di primavera
e il silenzio dei malati quando girano gli occhi per la stanza,
e chiedo per le cose profonde a che serve il linguaggio.

Un animale nei campi geme una o due volte
quando la morte coglie i suoi piccoli;
noi siamo senza voce di fronte alla realtà.
Noi non sappiamo parlare.

Un ragazzo curioso domanda a un vecchio soldato
seduto davanti la drogheria
Come hai perduto la gamba?
e il vecchio soldato è colpito di silenzio e poi gli dice
Me l’ha mangiata un orso.
E il ragazzo stupisce,
mentre il vecchio soldato, muto,
rivive come in sogno
le vampe dei fucili
il tuono del cannone
le grida dei colpiti a morte
e sè stesso disteso al suolo
i chirurghi dell’ospedale
i ferri
i lunghi giorni di letto.
Ma se sapesse descrivere ogni cosa sarebbe un artista,
ma se fosse un artista
vi sarebbero ferite più profonde
che non saprebbe descrivere.

C’è il silenzio di un grande odio
e il silenzio di un grande amore
e il silenzio di una profonda pace dell’anima
e il silenzio di un’amicizia avvelenata.
C’è il silenzio di una crisi spirituale
attraverso la quale l’anima, sottilmente tormentata,
giunge con visioni inesprimibili
in un regno di vita più alta,
e il silenzio degli dèi che si capiscono senza parlare.
C’è il silenzio della sconfitta
c’è il silenzio di coloro che sono ingiustamente puniti
e il silenzio del morente, la cui mano stringe subitamente la vostra.
C’è il silenzio tra padre e figlio,
quando il padre non sa spiegare la sua vita, sebbene in tal modo
non trovi giustizia.
C’è il silenzio che interviene fra il marito e la moglie
c’è il silenzio dei falliti
e il vasto silenzio che copre le nazioni disfatte e i condottieri vinti.
C’è il silenzio di Lincoln, che pensa alla povertà della sua giovinezza
e il silenzio di Napoleone dopo Waterloo
e il silenzio di Giovanna d’Arco
che dice tra le fiamme
Gesù benedetto
rivelando in due parole ogni dolore, ogni speranza.
C’è il silenzio dei vecchi,
troppo carichi di saggezza
perché la lingua possa esprimerla
in parole intelligibili
a coloro che non hanno vissuto la grande parabola della vita.

E c’è il silenzio dei morti.
Se noi che siamo vivi non sappiamo parlare di profonde esperienze,
perché vi stupite che i morti non vi parlino della morte?
Quando li avremo raggiunti
il loro silenzio avrà spiegazione.

One thought on ““Ho conosciuto il silenzio” di Edgar Lee Masters

  1. Da brivido. Ricorda quel che si dice del Buddha, quando pare volle fondare lo zen, riunendo I suoi discepoli per una grande comunicazione…. dopo varie ore non parlava, continuava a stare in silenzio… allora un tale si mise a ridere. Il Buddha lo chiamo’ e gli diede un fior di loto dicendogli: ” quello che potevo dire con le parole l’ho detto, quello che non si puo’ dire con le parole lo dono a te”. Si dice che quell uomo abbia portato il buddismo in giappone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.